INTERFALDA

REGGIA

FILM

CAPPUCCI

PALLET

SACCHETTI DI CARTA
E POLIETILENE

BIG BAG
NON SERVE
NIENT’ALTRO

Scegliendo i Big Bag puoi “rinunciare” fino a 6 diversi tipi di imballaggio

  • + STOCK
  • + SPAZIO
  • – TEMPO
  • – COSTI

BIG BAG / BIG BAG VIDEO

COS’È UN
BIG BAG?

Un big bag, chiamato a livello internazionale FIBC (Flexible Intermediate Bulk Container), è un saccone o meglio, un contenitore costituito da lamelle di polipropilene utilizzato per trasportare e/o stoccare ingenti quantità di prodotti solidi sfusi di vario genere (in scaglie, granuli o polvere).

Minini produce e commercializza big bag per ogni necessità.
I contenitori big bag, infatti, possono essere utilizzati in qualsiasi tipologia di attività industriale, dal settore chimico o minerario fino ad arrivare anche al settore alimentare con i sacconi food grade, idonei ad entrare in contatto con gli alimenti.

Il big bag è definito “intermediate” poiché, date le sue dimensioni e la sua portata massima (da 500 a 2000 kg), è considerato il modo ideale per movimentare i prodotti tra contenitori più piccoli e contenitori più grandi.

CARATTERISTICHE E TIPOLOGIE

I big bag presentano notevoli vantaggi nell’utilizzo industriale che si traducono anche in risparmio di tempo e spazio.
I big bag antispanciamento, ad esempio, grazie alle fasce interne di rinforzo ed alla mancanza di parti concave, una volta riempiti mantengono la loro forma originale, quadrata o rettangolare.
Ciò permette di ottimizzare lo spazio utile sia durante la fase di trasporto che durante lo stoccaggio in magazzino. È comprovato un aumento di capacità stoccabile del 16-23%.

Grazie alla loro composizione in polipropilene i sacconi sono completamente riciclabili e riutilizzabili; una volta svuotati possono essere ripiegati occupando poco spazio in magazzino.

La movimentazione dei big bag di Minini non necessita di pallet in quanto presente un sistema integrato tramite asole di sollevamento. Inoltre, ogni big bag viene etichettato con informazioni sui test di collaudo con dati sulle caratteristiche d’uso e costruttive con informazioni sui test effettuati.

APERTURA / CHIUSURA

  • APERTURA CON CARAMELLA,
    FONDO PIATTO

  • APERTURA CON CARAMELLA,
    VALVOLA DI SCARICO PIATTO

  • APERTURA CON COPERCHIO,
    FONDO PIATTO

  • APERTURA CON COPERCHIO,
    VALCOLA DI SCARICO

  • APERTURA TOTALE,
    FONDO PIATTO

  • APERTURA TOTALE,
    VALVOLA DI SCARICO

  • VALVOLA DI CARICO,
    FONDO PIATTO

  • VALVOLA DI CARICO,
    VALVOLA DI SCARICO PIATTO

CARICO E SCARICO
DI UN BIG BAG

Anche il carico e lo scarico del materiale all’interno dei contenitori avviene in maniera molto semplice tramite bocche di scarico e bocche di carico che consentono anche di ridurre la quantità di polvere che si genera durante lo spostamento.

I BIG BAG MININI PRESENTANO 4 TIPOLOGIE DI CARICO ED APERTURA E 2 DI SCARICO.

  • TIPOLOGIE DI CARICO

    Big Bag con apertura a caramella: una volta caricato il materiale, è possibile ripiegare i lembi superiori del saccone e legarli come se fosse una vera e propria caramella.

    Big Bag con apertura a coperchio: molto semplicemente si ripiega a chiusura del saccone un solo lato.

    Big Bag con apertura totale: non è presente chiusura, il materiale è visibile.

    Big Bag con valvola di carico: il metodo di inserimento del materiale passa tramite un’apertura più stretta rispetto alla base del saccone.

  • TIPOLOGIE DI SCARICO

    A fondo piatto: non c’è possibilità di scaricare il materiale dal fondo del big bag.

    Con valvola di scarico: è presente una apertura sul fondo del saccone del diametro inferiore alla base del contenitore.

FARE NON FARE

RACCOMANDAZIONI D’USO

  • Osservare le istruzioni d’uso indicate sull’etichetta.
  • Assicurarsi prima del riempimento che il sistema di scarico sia chiuso.
  • Accertarsi della stabilità del container una volta riempito.
  • Chiudere correttamente il sistema di carico.
  • Adottare soluzioni adeguate per il contenimento di materiali solidi in polvere.
  • Considerare la possibilità di accumulo di cariche elettrostatiche.
  • Assicurarsi che le forche del carrello elevatore siano arrotondate o protette.
  • Inclinare le forche del carrello elevatore verso il guidatore.
  • Correggere la larghezza delle forche del carrello elevatore a quella del sistema di sollevamento del container.
  • Proteggere il container dalle intemperie e da una prolungata esposizione solare.
  • Fissare adeguatamente il carico durante il trasporto.
  • Smaltire il container conformemente alla normativa vigente.
  • Non eccedere la portata del container in qualsiasi circostanza.
  • Non riempire il container impropriamente.
  • Non accelerare o decelerare bruscamente durante il trasporto.
  • Non sottoporre il container a improvvisi sollevamenti o abbassamenti.
  • Non sostare al di sotto di contenitori in sospensione anche durante la fase di scarico.
  • Non posizionare il container al di fuori del mezzo di trasporto o del pallet.
  • Non mettere in moto il carrello elevatore prima di aver sollevato tutto il carico.
  • Non inclinare in avanti le forche del carrello elevatore.
  • Non sovrapporre più contenitori a meno di essersi accertati della stabilità.

RESTA IN CONTATTO

Sede: via dell’Artigianato 3/5, 25028 Verolanuova (BS)
Telefono: +39 030 9360002
E-mail: info@minini.it
Fax: +39 030 9360002

Leggi l'informativa privacy.